Vetto

Stadio Braglia, lavoro richiedenti asilo

Provengono da Gambia, Ghana, Nigeria e Bangladesh i richiedenti asilo perlopiù ventenni che in questi giorni stanno contribuendo alla sistemazione dello stadio Braglia a Modena, come opera di volontariato. I primi a complimentarsi con loro per l'impegno che stanno dimostrando sono stati proprio i giocatori del nuovo Modena FC 2018, formazione che ripartirà dalla serie D dopo il recente fallimento. Infatti, prima di partire per il ritiro di Montefiorino, lunedì scorso, i giocatori 'canarini' hanno voluto posare per alcune foto insieme ai giovani richiedenti asilo intenti a svolgere attività di volontariato al Braglia. Nello stadio modenese di viale Monte Kosica già da alcuni giorni tredici richiedenti asilo ospitati in Centri di accoglienza - gestiti da Porta Aperta, Caleidos e Fondazione Ceis - sono al lavoro per pulizie a bordo campo e tinteggiatura degli ingressi alle sedute.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie